Bucolica Molisana: usi e costumi del Molise - Due pastori-poeti discutono dei mores della loro terra natia
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Liceo Classico "Mario Pagano" su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Bucolica Molisana: usi e costumi del Molise

    Due pastori-poeti discutono dei mores della loro terra natia

    Sulle erbose pendici della Maiella, si incontrarono forte1 due celebri condottieri di lanose greggi e ivi presero a ragionar delle loro cotidiane occupazioni molisane. A discorrere iniziò il compare2 Leonardo da Limosano:

    <<O Peppino il Pastore, che riposi tra le spighe del tuo dorato grano, quale fortuita combinazione ti ha spinto a percorrere questo soleggiato calle?>>

    E Peppino il Pastore a lui: <<Non ci son molti calli per cui andare, compare Leonardo, o forse la straordinaria grandezza di questa terra mi disorienta e, avendo un imbarazzo oltremodo grande nella scelta delle mie occupazioni, ho ritenuto opportuno non scegliere affatto e farmi guidare dal caso, o, come si dice da queste parti, farmi una stesa3. Tu invece come intendi combattere il taedium di questo luogo?>>

    L.:<<Non esser così sprezzante della tua eccelsa culla: dovresti fare come me, cogliere l'attimo e approfittare dei piaceri che offre la nostra eterna Capitale... Campus Vastorum4 o, come comunemente si dice, Campobasso.>>

    P.: <<Per quanto ne so io, l'unico piacere che può alleviare la nostra esistenza è il frutto di Bacco o, se esso viene a mancare, la cervogia di mastro Forst. Ammetto che si tratti di un eccellente esercizio per il fegato, tuttavia il pellone5 che ne deriva non è sufficiente a giustificare le tue parole.>>

    L.: <<Non riesci proprio a vedere, o mio diletto, quanta bellezza e arte sia presente nella nostra civitade? Prendi il Corso6, l'ampio boulevard cittadino: ogni volta che vi arrivo, è inevitabile che io mi fermi a venerare la statua della Venere divina7, che sovrasta il laghetto dai guizzanti pesci vermigli, mentre già comincio a sentire i discorsi delle signore vetuste che, passeggiando, ciantellano8 riguardo i sollazzi e il malcostume dell'odierna società. Già da ora, riesco a sentire quei rumores senum severiorum9. E poi i pueri e le formosae puellae che si incontrano con teneri baci... è quasi palpabile il loro amore nascente sotto gli occhi di Cipride>>

    P.:<<Io credo piuttosto che a te interessi adescare ingenue ed innocenti pastorelle per condurle poi negli anfratti più nascosti delle timide stradine che conducono al maestoso Castello Monforte10, quello che il volgo chiama genericamente salire per i monti11. Non mi prendo nemmeno il disturbo di descriverti le occupazioni dei vegliardi, sempre intenti a calare assi nell'avvincente giuoco della passatella12.>>

    L.: <<La tua concezione dell'amore è così spoetizzante: le dolci pulzelle si adescano, come dovresti ben sapere, nella Villetta dei Cannoni13, dove si presenta un'ampia scelta tra le giovani nobildonne molisane e, prima di portarle al cospetto del nostro possente Castello, bisogna offrire loro prebende al caffè Dolce stil novo14, dove si possono chiaramente sentire le nove rime che cominciano con Donne ch'avete intelletto d'amore. Soltanto dopo che la loro infatuazione è completa grazie ai divini versi danteschi, le si può portare in cima alla città, dove osservare le luci di una vita che non si spegne mai. Così è che nasce il vero e pastorale amore molisano.>>

    P.:<< Non mi lascio ingannare dalla tua fine eloquenza che vuole mistificare la realtà, preferisco il corteggiamento tradizionale. Alla dama vanno offerte pietanze corpose e succulenti, una fra tutte il piatto di tracchiulelle15 fumanti. Nel corteggiamento si può ricorrere anche alla serenata sotto il balcone della futura consorte; lì, grazie alla magica armonia dell'organetto, risuonano nell'aria le dolci note de La Molisana16, dove si narra della discesa dal Matese della bella fanciulla Rosabella.>>

    L.:<<Sicuramente è come tu dici, ma queste usanze, venerande per la loro antichità, appartengono alla villa17. Dovresti aprire il tuo cuore alla modernità della polis e cominciare ad integrati nella popolazione urbana e nei suoi sollazzi: ammira i divertimenti serali del lungo boulevard, soprattutto se si ci avventura, a notte ormai tarda, nell'antica strada degli orologiai, Via de' Ferrari18, ora piena di osterie e luoghi dove ricrearsi con bevande all'avanguardia. Per non parlare poi della famosa e musicata selva, dove i fanciulli perdono la diritta via e cadono nella dionisiaca follia, la magica e moderna balera, detta anche Invidia19...>>

    P.:<<Noto che sei un esperto conoscitore di tutti i sollazzi più recenti, dimentichi però quali sono i veri appuntamenti a cui ogni buon campobassano non può mancare: la partita domenicale dei lupi rossoblu20, calciatori antropomorfi che raggiungono da anni l'obiettivo di rimanere confinati nelle categorie minori, il Corpus Domini, rituale che celebra la capacità dei ragazzini nel tentennare appesi a ferrei sostegni mentre rappresentano tredici Misteri21 della religione cristiana, e, per finire, il Teco vorrei22, una sorta di lamento funebre che ha come scopo quello di restituire agli ascoltatori il dolore patito da Gesù nel cammino della Passione.>>

    L.:<< Dici bene, ma da come ne parli sembra che siamo un popolo rozzo e villano: dov'è, nelle tue parole, l'altezza d'ingegno che ci contraddistingue o meglio che... mi contraddistingue come onorevole pastore molisano: tu non vedi la poesia e l'idillio di questo posto eletto da Dio per far risorgere l'umanità dalla barbarie e condurlo fino alle eteree regioni del cielo... Pensavo volessi aiutarmi a stabilire che il Molise è e non può non essere, ma non fai altro abbassare la sua alta dignità... o cinico di un Pastore-poeta!>>

    P.:<<Logorroico Limosanese, l'unica cosa che vedo con chiarezza in questo momento è che le mie pecore belano dalla fame e di certo non possono nutrirsi delle tue vuote fantasie. Ecco perché anziché star qui a disputar della luna con te, vedo bene che dovrei riprendere il cammino verso casa e lasciare ai sognatori i loro sogni. Purtroppo la regione è piccola e temo che dovremo rincontrarci, ma fino ad allora sarò contento di ascoltare soltanto il canto del mio gregge!>>

    L.:<<O come sei privo di immaginazione e di poesia!>>

    E fu così che i due pastori tentarono da allora di evitarsi o comunque di non riprendere a disputar della loro amata terra natia.

    Note

    1per caso, latinismo

    2espressione gergale utilizzata per rivolgersi agli amici di vecchia data

    3espressione gergale utilizzata dai molisani per intendere “farsi una passeggiata per il Corso”. Per informazioni riguardo il Corso si veda la nota 6

    4antico nome della città di Campobasso, tradotta letteralmente “Campo dei Vasti”

    5espressione dialettale per indicare l’ubriachezza

    6la grande strada cittadina al centro di Campobasso, dove si affacciano vetrine di numerosi negozi e si trova il Palazzo del Comune, dietro al quale c’è la famosa “Villetta dei Cannoni”

    7all’inizio del Corso, vi è Villa Flora, dove si trova un laghetto sovrastato da una statua di Venere, risalente al ‘700

    8espressione dialettale per indicare il chiacchierare e il fare pettegolezzi

    9citazione dal Liber Catullanius, carme V, v.2

    10il Castello che sovrasta la città dall’alto dei “monti”

    11espressione gergale utilizzata dai campobassani per intendere “fare una passeggiata (o altro) nel centro storico o arrivare fino al Castello Monforte”, in quanto questi luoghi si trovano in posizione sopraelevata rispetto al resto della città

    12gioco molto apprezzato dai molisani dove chi “comanda” con le proprie carte deve bere o far bere agli altri giocatori bevande alcoliche di vario tipo

    13per maggiori informazioni si veda l’articolo “Il Molise esiste!” dell’edizione del giugno 2017

    14nota caffetteria e pasticceria di Campobasso

    15tipico piatto molisano: si tratta di costolette di maiale al sugo

    16tipica canzone molisana, molto apprezzata dalle anziane. Narra di una fanciulla che discende dal monte Matese.

    17nel linguaggio medioevale, la campagna

    18via caratterizzata da numerosi pub e che è il fulcro della vita notturna campobassana

    19la più famosa delle discoteche di Campobasso

    20i lupi rossoblu sono il simbolo della squadra di calcio di Campobasso

    21Processione di statue viventi che rappresentano la storia della cristianità, in occasione del Corpus Domini

    22tipico canto intonato dal coro della cattedrale di Campobasso in occasione della processione del Venerdì Santo

    di Giuseppe Vena

    di Leonardo D'Addario


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi