Campobasso Caput Mundi - Una riflessione sull’estenuante campagna elettorale che ha attraversato il Molise.
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Liceo Classico "Mario Pagano" su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Campobasso Caput Mundi

    Una riflessione sull’estenuante campagna elettorale che ha attraversato il Molise.

    Campobasso caput mundi. Almeno fino al 22 aprile. La lunga corsa per il voto regionale si sta esaurendo. Finalmente. Anche perché, ad un certo punto, sembrava che tutte le strade portassero in Molise. Tanto che tutti i politici nazionali, di ogni schieramento, si sono riversati in questo pezzo d’Italia a forma di farfalla: Salvini, Berlusconi, Di Maio, sembrano quasi essersi trasferiti qui: sono ovunque!

    A San Giuliano di Puglia, a rendere omaggio al monumento in memoria delle vittime del terremoto del 2002, e a visitare il villaggio provvisorio fuori dal paese, per il quale era stata ventilata la trasformazione in centro di accoglienza. A Termoli, città balneare e industriale, cresciuta molto negli ultimi anni, dove rimarrà per sempre impressa la foto di Salvini sorridente davanti ad un piatto di coccio pieno della zuppa di pesce tipica della città, il “Brodetto”, con al collo il tovagliolo con il nome del ristorante. Dalla circostante zona del Basso Molise, a Larino, a Venafro, piccolo centro industriale al confine con la Campania, passando per Isernia, Bojano, l’Alto Molise e Campobasso.

    Con Berlusconi che sale e che scende (e ogni tanto cade) da palchi e predellini, impegnato nella corsa all’ultimo voto con il leghismo rampante, anche qui, nel Centro-Sud. E, come nel Gattopardo, se tutto cambia è perché tutto rimanga com’è: con vecchie facce e vecchie idee che tornano alla carica, sempreverdi (ora forse verde-leghista).

    Ecco l’Italia che scopre il Molise, ed ecco il provinciale Molise che gusta la sua scoperta di essere il centro, più importante di Roma, Milano e Napoli. Signori, ecco la rivoluzione copernicana, con il Molise che prende il posto del Sole. E, illuminata dal nuovo sole, la sonnacchiosa politica regionale si sveglia, ma nella sua maniera particolare, affrettandosi a fare da ancella ai notabili nazionali, a caccia della legittimazione che gli darà il governo, il Potere.

    E intanto in Molise comincia la lotta, una lotta tra il centrodestra e M5S, testa a testa, e tra Salvini e Berlusconi, con il giovane rampante che spera di dimostrare la sconfitta definitiva del nemico/alleato. Il centrosinistra? Si riscopre unito, ma sta a guardare, lottando per la soglia del 20%, per sopravvivere, e, nei suoi sogni, ricominciare, chissà…

    “Molise esiste”, riportano i manifesti del candidato Pentastellato per la regione, Andrea Greco.

    Finalmente, il resto se ne è accorto. E le trecentomila, mutilate anime figlie di una terra povera e isolatasi godono l’attimo di sole, prima che le ombre le riportino negli incubi quotidiani: disoccupazione, nassa natalità, emigrazione, soprattutto dei più giovani. In quel “Molise esiste”, scritto a chiare lettere in giallo brillante, c’è, in lettere piccole e grigie, tra le due parole, “un futuro”. Il futuro passa in secondo piano, di fronte alla momentanea esistenza del Molise.

    Perché, chiunque vinca, quando l’atto democratico si consumerà e i riflettori si saranno spenti, il Molise sarà esistito. Un’idea di futuro, invece, no.

    di Damiano D'Onofrio


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi